Laser per lesioni vascolari

novembre 7, 2015 in Medicina Estetica Roma

Autore  dott. Antonino Fardella

 

Il laser vascolare agisce in modo selettivo sul colore rosso dell’emoglobina e dell’ossi-emoglobina contenuta nei vasi sanguigni. E’ utilizzato con successo per il trattamento di lesioni vascolari del viso, del tronco e delle gambe anche di un certo calibro (1-3 mm di diametro). Il meccanismo d’azione si basa sull’energia rilasciata dal laser che chiude il capillare colpito senza danneggiare la cute circostante. Con la tecnologia Dye-VL,  laser Nd: YAG, o una combinazione di entrambi si ottengono risultati ottimali con minimi effetti collaterali.

Il laser Nd YAG 1064 è da sempre il gold standard per la rimozione di lesioni vascolari  come telenangectesie, angiomi rubino e capillari. Grazie al doppio spot è possibile scegliere e trattare le lesioni superficiali come per esempio quelle che compaiono sul viso o quelle profonde come negli arti inferiori. Il calore prodotto dal laser si concentra sui vasi sanguigni e ne provoca la chiusura senza danneggiare i tessuti circostanti. Il numero di sedute dipende dal tipo di lesione da trattare, è fondamentale evitare l’esposizione ai raggi solari e/o lampade UVA nelle settimane precedenti  successive al trattamento.

Il laser Dye grazie alla fototermolisi selettiva sui cromofori rossi  è indicato per il trattamento delle lesioni vascolari come telegectasie, couperose, rosacea, angiomi piani, eritrosi, cicatrici in fase infiammatoria, pecilodermia di Civatte (couperose sul collo) e smagliature in fase infiammatoria. La sensazione durante il trattamento è quasi indolore ed i risultati si producono nel corso di varie sedute, con un progressivo sbiancamento della zona trattata. E’ fondamentale evitare l’esposizione ai raggi solari e/o lampade UVA nelle settimane precedenti  successive al trattamento.