Fotoringiovanimento

novembre 6, 2015 in Medicina Estetica Roma

Autore  dott. Antonino Fardella

 

Il fotoinvecchiamento cutaneo è un processo causato principalmente dall’esposizione agli agenti ambientali che causano perdita di elasticità della pelle con conseguente formazione di rughe e di  macchie di pimento come efelidi, lentiggini e cheratosi seborroiche.

Tuttavia ogni paziente presenta un problema di fotoinvecchiamento unico nel suo genere e deve quindi avere un trattamento personalizzato di diagnosi e di terapia. Queste terapie potranno basarsi sull’utilizzo del laser ablativo o non ablativo e infrarosso. Con queste metodicche laser sarà possibile ridurre ed eleminare i solchi superficiali della cute, risolvere le alterazioni di colore, trama e compatezza. I laser più moderni permettono di selezionare la lunghezza d’onda più efficace, definire la forma d’impulso e impostare lo spot size più adatto per ogni tipo di trattamento, riducendo notevolmente il rischio di provocare arrossamenti, danni termici o effetti collaterali indesiderati sulla cute del paziente.

Dopo una visita medica specialistica saranno consigliate le possibili soluzioni più adatte al paziente che comprendono trattamenti di:

ClearLift: laser frazionato non ablativo Q-Switched che focalizza l’energia nel derma stimolando la produzione di nuovo collagene, per un effetto tensore del tessuto, lasciando l’epidermide intatta. I processi di guarigione stimolano la crescita di nuovo collagene, e il rafforzamento del tessuto.Il trattamento è rapido, praticamente indolore, senza tempi di recupero, non necessita di anestesia ed efficace per tutti i tipi di pelle.

iPixel Erbium: YAG 2940nm: offre un trattamento altamente efficace per migliorare notevolmente il tono della pelle, elasticità e struttura, riducendo la pigmentazione superficiale grazie ad un effetto esfoliante ablativo. A differenza dei tradizionali laser ablativi che rimuovono l’intero strato della pelle, il laser iPixel Er: YAG utilizza un sistema frazionato, definito Pixel, creando microcanali di calore e lasciando intatto il tessuto circostante. Questo permette alla pelle una guarigione veloce e ottimi risultati solo dopo un trattamento.

Infrarosso con modulo NIR: utilizza una sorgente luminosa ad alta potenza chiamata NIR (Vicino infrarosso) per dare un riscaldamento subdermico in modo sicuro ed efficace, stimolando la crescita di nuovo collagene e migliorando la lassità cutanea. La lampada ad alta potenza NIR emette la luce nello spettro del vicino infrarosso per elevare la temperatura cutanea, con potenza di picco a 1300 nm penetrando in profondità. Questo meccanismo provoca un leggero danno termico ai tessuti contraendo le fibre esistenti e stimolando la formazione di nuovo collagene per dare tonicità e migliorare la cute. I trattamenti con il modulo NIR possono essere effettuati in metodo stazionario o in movemento, in base all’area da trattare e per rendere il trattamento piu confortevole per il paziente e per il professionista.