Macchie cutanee

novembre 15, 2015 in Medicina Estetica Roma

 

Le macchie cutanee o iperpigmentazioni sono caratterizzate da un inscurimento circoscritto della cute e comprendono:  macchie senili, lentigo solari, efelidi, lentiggini e pigmentazioni post-infiammatorie. Sono causate principalmente dall’errata esposizione solare e dal fisiologico invecchiamento cutaneo. Altre cause comprendono l’ipermelanosi (accumulo di melanina), assunzione di farmaci e patologie endocrine e sistemiche. E’ essenziale una visita Dermatologica  per identificare il tipo di lesione e l’eventuale trattamento più idoneo.

Il laser Neodimio-Yag Q-Switched consente di eliminare selettivamente le cellule che contengono melanina inducendo fototermolisi selettiva senza danneggiare la cute circostante.  Si possono trattare tutte le forme di lesioni pigmentate anche per i fototipi più scuri garantendo risultati ottimali con il minor rischio di effetti collaterali. La durata e il numero delle sedute variano dal tipo e dal numero di lesioni da trattare; è essenziale evitare l’esposizione solare e/o a lampade UVA nelle settimane precedenti  al trattamento e non assumere farmaci fotosensibilizzanti.  Successivamente al trattamento sarà necesserio utilizzare un filtro solare e applicare una crema sulle lesioni trattate.

 

 

 

 

Laser per lesioni vascolari

novembre 7, 2015 in Medicina Estetica Roma

 

Il laser vascolare agisce in modo selettivo sul colore rosso dell’emoglobina e dell’ossi-emoglobina contenuta nei vasi sanguigni. E’ utilizzato con successo per il trattamento di lesioni vascolari del viso, del tronco e delle gambe anche di un certo calibro (1-3 mm di diametro). Il meccanismo d’azione si basa sull’energia rilasciata dal laser che chiude il capillare colpito senza danneggiare la cute circostante. Con la tecnologia Dye-VL,  laser Nd: YAG, o una combinazione di entrambi si ottengono risultati ottimali con minimi effetti collaterali.

Il laser Nd YAG 1064 è da sempre il gold standard per la rimozione di lesioni vascolari  come telenangectesie, angiomi rubino e capillari. Grazie al doppio spot è possibile scegliere e trattare le lesioni superficiali come per esempio quelle che compaiono sul viso o quelle profonde come negli arti inferiori. Il calore prodotto dal laser si concentra sui vasi sanguigni e ne provoca la chiusura senza danneggiare i tessuti circostanti. Il numero di sedute dipende dal tipo di lesione da trattare, è fondamentale evitare l’esposizione ai raggi solari e/o lampade UVA nelle settimane precedenti  successive al trattamento.

Il laser Dye grazie alla fototermolisi selettiva sui cromofori rossi  è indicato per il trattamento delle lesioni vascolari come telegectasie, couperose, rosacea, angiomi piani, eritrosi, cicatrici in fase infiammatoria, pecilodermia di Civatte (couperose sul collo) e smagliature in fase infiammatoria. La sensazione durante il trattamento è quasi indolore ed i risultati si producono nel corso di varie sedute, con un progressivo sbiancamento della zona trattata. E’ fondamentale evitare l’esposizione ai raggi solari e/o lampade UVA nelle settimane precedenti  successive al trattamento.

 

Epilazione laser a diodo

novembre 7, 2015 in Medicina Estetica Roma

 

Per eliminare i peli in eccesso si usano spesso i termini “depilazione” ed “epilazione” anche se hanno un significato diverso. La depilazione consiste nella rimozione del pelo dalla superficie tramite rasoio che riduce temporaneamente la lughezza dei peli. L’ epilazione invece consente di eliminare il pelo con il bulbo compreso e può essere transitoria o permanente ( strappo o epilazione laser).

Tutti i Laser depilatori hanno come bersaglio la melanina contenuta nel bulbo pilifero. Il laser  a diodo sfrutta una particolare lunghezza d’onda di  808nm per  attraversare gli strati superiori della pelle e trasferire la sua energia al pelo; l’energia è assorbita dalla melanina presente nel pelo, e convertita in calore, che danneggia e distrugge il follicolo pilifero. La particolare lunghezza d’onda utilizzata dal laser a diodo è ottimizzata per produrre il massimo dell’efficacia senza danneggiare i tessuti circostanti, grazie anche al sistema di raffreddamento presente nel manipolo, che raffredda la cute e previene danni all’epidermide. Il vantaggio della tecnica con il laser medico a diodo a alta potenza è senz’altro legato alla rapidità, alla possibilità di applicazione su tutti i fototipi e all’esiguità degli effetti collaterali.

Sedute: la zona da trattare deve essere preventivamente rasata e priva di creme o profumi. Si applica un gel a base acquosa trasparente e si procede all’applicazione laser che risulta indolore. Dopo il trattamento può comparire un leggero arrossamento della pelle (eritema follicolare), che scompare spontaneamente. Il laser colpisce solo i peli in fase di crescita (ANAGEN) quindi saranno necessari più trattamenti in base sia alla fase del pelo che alla zona da trattare. Nei giorni precedenti al trattamento, e immediatamente dopo, si deve evitare l’assunzione di farmaci fotosensibilizzanti.

Vantaggi del laser a diodo:

  • molto selettivo ( colpisce solo il bulbo pilifero)
  • adatto a tutti i fototipi di pelle (anche scuri)
  • effettuabile in ogni periodo dell’anno
  • effetti collaterali minimi
  • velocità del trattamento
  • praticamente indolore

 

Fotoringiovanimento

novembre 6, 2015 in Medicina Estetica Roma

 

Il fotoinvecchiamento cutaneo è un processo causato principalmente dall’esposizione agli agenti ambientali che causano perdita di elasticità della pelle con conseguente formazione di rughe e di  macchie di pimento come efelidi, lentiggini e cheratosi seborroiche.

Tuttavia ogni paziente presenta un problema di fotoinvecchiamento unico nel suo genere e deve quindi avere un trattamento personalizzato di diagnosi e di terapia. Queste terapie potranno basarsi sull’utilizzo del laser ablativo o non ablativo e infrarosso. Con queste metodicche laser sarà possibile ridurre ed eleminare i solchi superficiali della cute, risolvere le alterazioni di colore, trama e compatezza. I laser più moderni permettono di selezionare la lunghezza d’onda più efficace, definire la forma d’impulso e impostare lo spot size più adatto per ogni tipo di trattamento, riducendo notevolmente il rischio di provocare arrossamenti, danni termici o effetti collaterali indesiderati sulla cute del paziente.

Dopo una visita medica specialistica saranno consigliate le possibili soluzioni più adatte al paziente che comprendono trattamenti di:

ClearLift: laser frazionato non ablativo Q-Switched che focalizza l’energia nel derma stimolando la produzione di nuovo collagene, per un effetto tensore del tessuto, lasciando l’epidermide intatta. I processi di guarigione stimolano la crescita di nuovo collagene, e il rafforzamento del tessuto.Il trattamento è rapido, praticamente indolore, senza tempi di recupero, non necessita di anestesia ed efficace per tutti i tipi di pelle.

iPixel Erbium: YAG 2940nm: offre un trattamento altamente efficace per migliorare notevolmente il tono della pelle, elasticità e struttura, riducendo la pigmentazione superficiale grazie ad un effetto esfoliante ablativo. A differenza dei tradizionali laser ablativi che rimuovono l’intero strato della pelle, il laser iPixel Er: YAG utilizza un sistema frazionato, definito Pixel, creando microcanali di calore e lasciando intatto il tessuto circostante. Questo permette alla pelle una guarigione veloce e ottimi risultati solo dopo un trattamento.

Infrarosso con modulo NIR: utilizza una sorgente luminosa ad alta potenza chiamata NIR (Vicino infrarosso) per dare un riscaldamento subdermico in modo sicuro ed efficace, stimolando la crescita di nuovo collagene e migliorando la lassità cutanea. La lampada ad alta potenza NIR emette la luce nello spettro del vicino infrarosso per elevare la temperatura cutanea, con potenza di picco a 1300 nm penetrando in profondità. Questo meccanismo provoca un leggero danno termico ai tessuti contraendo le fibre esistenti e stimolando la formazione di nuovo collagene per dare tonicità e migliorare la cute. I trattamenti con il modulo NIR possono essere effettuati in metodo stazionario o in movemento, in base all’area da trattare e per rendere il trattamento piu confortevole per il paziente e per il professionista.

 

Rimozione tatuaggi

novembre 6, 2015 in Medicina Estetica Roma, News

 

La rimozione di un tatuaggio multicolore richiede un laser ad alta potenza in grado di fornire energia sufficiente all’interno dello spettro di assorbimento di una vasta gamma di colori. Il Laser  Q-Switched Nd: Yag è in grado di generare fasci di luce con lunghezze d’onda diverse (una a 1064nm e l’altra a 532nm) ad azione selettiva in grado di eliminare i pigmenti di una frazione circoscritta del derma senza andare a danneggiare le zone circostanti.

In particolare grazie al processo di fototermolisi selettiva le cellule ricche di pigmento vengono investite da un’ energia prodotta in tempi brevissimi. Tali cellule per effetto del laser vengono distrutte e il pigmento viene riversato all’esterno con conseguente eliminazione dal sistema linfatico. Progressivamente il tatuaggio tenderà a scomparire senza lasciare cicatrici e ipopigmentazioni.

La duplice lunghezza d’onda permette inoltre che vengano trattati più tipologie di tatuaggi, che variano a seconda del pigmento: la lunghezza d’onda di 1064 nm è in grado di trattare i pigmenti neri,blue e verde, viceversa la lunghezza d’onda di 532nm riesce ad agire sui pigmenti rossi o arancioni.

Le sedute sono distanziate tra loro da circa 5 settimane, il numero delle sedute va valutato in base al tipo di tatuaggio da rimuovere. Prima del trattamento laser sono da evitare l’esposizione al sole e alle lampade UVA, così come è da evitare l’assunzione di farmaci fotosensibilizzanti. Gli effetti del trattamento laser si traducono in uno sbiancamento del tatuaggio, risolvibile nel giro di 10 giorni circa. E’ fondamentale non sottoporsi ai raggi solari diretti e proteggere la pelle con dei filtri solari per il primo periodo. Per facilitare la fase di riepitelizzazione sarà prescritta terapia locale adeguata.

 

tattoo-removal-in-4-sessions

 

 

Peeling

febbraio 20, 2013 in Medicina Estetica Roma, News

Il peeling è un trattamento di medicina estetica che mediante l’applicazione di una o più sostanze chimiche stimola l’esfoliazione cutanea e la ristrutturazione degli strati più profondi. In seguito al trattamento la pelle risulta omogenea, levigata e con una luminosità più intensa.

In base al problema da trattare si utilizzano agenti chimici di diversa natura come l’acido glicolico, l’acido salicilico, l’acido mandelico, il resorcinolo e l’acido piruvico. La scelta e la concentrazione dell’acido, da cui conseguirà un’azione sulla pelle più o meno profonda,  viene valutata dal medico durante la visita medica.

Gli effetti del peeling sono:

-          Rigenerazione cellulare attraverso l’esfoliazione cellulare cutanea

-          Eliminazione delle cellule degenerate con sostituzione di nuovi elementi

-          Stimolazione dei fibroblasti a produrre nuovo collagene ed elastina mediante infiammazione

Le principali patologie che trovano giovamento dal trattamento con peeling comprendono:

  • Esiti e cicatrici da acne
  • Invecchiamento cutaneo
  • Discromie (macchie cutanee)
  • Rosacea
  • Acne in fase attiva
  • Dermatite seborroica e iperseborrea

Il trattamento richiede circa 30 minuti ed è accompagnato da una sensazione di lieve bruciore ed eritema che generalmente si risolve in uno due giorni.

pennello peeling                                   peeling-2